Tenuta

Graffetta

Tenuta

La Sicilia è una regione ricca di storia, tradizione e arte.

Ogni luogo esprime un differente periodo storico che ha sedimentato culture e tradizioni differenti rendendo quest’isola un miscuglio di bellezza e diversità uniche.

Graffetta è a un passo dal comune di Ispica, limitrofa a Noto e Modica, i borghi del barocco siciliano più autentico, architetture che segnano la rinascita della Val di Noto dopo il tremendo terremoto del 1697, che rade al suolo i principali centri della zona.

Nel 2004 abbiamo deciso di intrecciare i destini del nostro gruppo con questa tenuta per due motivi: il primo riguarda un aspetto sentimentale, l’amore per la nostra terra d’origine ha prevalso, trasportati dalla bellezza e dalla storicità dei luoghi.

La seconda motivazione è più razionale (imprenditoriale), abbiamo deciso di scommettere sulla grandissima qualità dei terreni e dei prodotti agricoli siciliani.

La cultura vitivinicola di quest’area sud-orientale della Sicilia vanta tradizioni settecentesche, periodo in cui la regione è sostanzialmente un enorme feudo di casati nobiliari che amministrano per lunghi periodi le aree rurali della zona.


La coltivazione del Nero d’Avola, difficile e laboriosa, fino a pochi decenni fa viene svolta manualmente, con l’aiuto di muli per svangare la terra e per trasportare le botti di vino dal palmento alle rivendite.

La cultura del vino in bottiglia è invece storia molto recente che noi vogliamo aiutare a scrivere consapevoli delle enormi potenzialità qualitative di questi luoghi e dei prodotti che ne derivano.

Azienda agricola siciliana di recente acquisizione. La Proprietà di 22 ettari di vigneto a 40 metri sul livello del mare, nel Ragusano vicino a Ispica, nei pressi della strada che dal paese conduce al mare di Marina di Pozzallo.
Vini potenti e concentrati. E un baglio del Cinquecento appartenuto precedentemente, come del resto tutta la proprietà, al Conte di Modica.